Le rose di Lucifero


Nuovo

Le rose di Lucifero

Scorte disponibili
Tempi di consegna: circa 10 giorni lavorativi

8,00
Prezzo comprensivo di IVA, più spedizione


Scheda del libro

Titolo: Le Rose di Lucifero

Autore: Nicolò Mantovani

Genere: Poesie

Collana: Chatila

N. pagine: 58 con immagini realizzate dal M° Giovanni Cerri

ISBN: 978-88-94921-16-8

Prezzo: euro 8,00

 

Il volume è attualmente in vendita su www.apolloedizioni.it

A breve sarà disponibile anche in tutti i bookstore online

 

Presentazione della silloge:

“Le rose di Lucifero” non è solamente una  raccolta  di  poesie, ma un vero e proprio inno all’amore. Non serve  cercare di analizzare lo stile o la metrica perché è qualcosa che passa in secondo piano. Non serve provare a comprendere quello che ha sentito il poeta, perché mai potremo rivivere con la medesima intensità ciò che è stato per lui.

Allora serve concentrarsi sui temi principali; e Amor regna sovrano.

Il titolo potrebbe sembrare provocatorio, perché il lettore arriva a chiedersi, una volta terminata l’opera, quale connessione vi sia tra Lucifero e quell’insieme di sentimenti a cui diamo il nome di “amore”. Eppure: Dio è amore, se-condo il Nuovo Testamento, e Lucifero ha deciso di sfidarlo; questo è avvenuto solamente perché desiderava ardentemente Essere Amore. Il  potere,  l’ambizione,  sono  dell’umanità e non dell’angelo più bello del Signore; un  angelo è parte dell’amore divino, ma quando Lucifero ha voluto di più, ha osato troppo, ecco che è stato scaraventato a terra ed è divenuto “L’angelo dalle strappate ali”. Questo errabondo spirito che fu abbagliato dalla luce divina, ora che è sulla Terra, rimane scottato ogni volta che cerca di sfiorare chi ama e scotta, egli stesso, l’amato, quasi come se la sua natura fosse mutata per sempre. Lucifero non viene pensato più come un angelo, ma come il Male; invece è Amore-in-Terra. L’amore celeste, d’altra parte, è rimasto lontano da noi uomini. Allora quale atto è più coraggioso dell’abbracciare Lucifero? Il poeta stesso è amore incarnato.

 Si è anche parlato di ardore. Che sia un caso o meno, nell’immaginario collettivo, Lucifero è all’Inferno, il luogo ove ogni cosa è circondata di fiamme e,  tra  noi  uomini,  al  no-stro interno, c’è una sola cosa che brucia come il fuoco infernale ed è ciò che abbiamo nominato dall’inizio.

La rappresentazione di cosa esso sia, la troverete in ogni lirica. Timore, speranza, attesa, gioia immensa, fanta-sticherie, morse allo stomaco, fede, generosità, unione. Tutte queste cose sono vere, ma Amore è molto di più e solo in poesia può essere espresso, poiché essa, pur per mezzo del linguaggio nostro, trascende ogni cosa. Egli è nascosto tra le righe e con le parole non è sufficientemente descrivibile; proprio per questo motivo, nel leggere, si deve aprire il cuore e fare spazio alla verità. Se poi, alla domanda “Cos’è l’amore?”, non si saprà rispondere adeguatamente, non  importerà, perché, comunque, lo avrete esperito e re-spirato in ogni poesia di questa raccolta.  Abbracciatelo  e  ricordatevi che Egli è l’oceano e noi siamo la zattera e, per averlo, dobbiamo affogare in lui.

Certamente parrà di trovare in tutti i componimenti una parte di totale abbandono, perché ha fatto parte del vissuto dell’artista; ciò che più conta, invece, è il messaggio di  spe-ranza di cui l’opera è intrisa e ciò che vuole comunicare: vale SEMPRE la pena di amare.

Gli altri temi toccati  sono,  forse,  noti,  ma  comunque  originali e vivi: l’amore per l’arte, la sete di libertà e libera-zione dalle catene, la dolcezza e la fragilità delle rose, la poesia, la potenza, la sofferenza; tutto ciò, insomma, che fa essere ognuno di noi, per dirla con Nietzsche, “Umano, troppo umano”. Noi, però, non dobbiamo vergognarci della nostra umanità e di ciò che proviamo, soprattutto se si tratta d’amore. Per uno sguardo nuovo sul mondo, per un respiro a pieni polmoni, “Le rose di Lucifero” è ciò che serve.                          

Il lettore noterà che ogni poesia ha come titolo un nome femminile, questo perché il poeta ha  lasciato  scegliere  personalmente a diverse donne la lirica in cui più si  immedesimassero, in modo che  egli potesse essere solo un tramite tra l'idea e la carne. (di Gabriele Fantato)

 

Biografia dell’Autore:

Sono un giovane artista, mi chiamano Nicolò Mondragone.

Il mio vero nome è Nicolò Mantovani, sono nato a Luino (VA) il 13 agosto 1996. Vivo a Mesenzana (VA) in via Piano 9. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo delle Scienze Umane a Roggiano (VA), mi sto dedicando a diffondere l'arte mentre lavoro per finanziare i miei progetti.

Ho pubblicato due raccolte di poesie presso un piccolo editore di Varese, Pietro Macchione Editore:

Cantando ad una voce, febbraio 2016.

L'angelo dalle strappate ali, gennaio 2017.

Credo che questa raccolta sia vera, nonostante le sue mancanze e turbamenti. Sono i versi di chi sente dentro sé quell'arte che molto spesso eleva distruggendoti.

 

 

Cerca anche queste categorie: Home page, POESIA